In questi giorni stiamo assistendo ad un pesante invio di posta elettronica con allegati dal contenuto malevolo (virus & similari), il cui codice potrebbe potenzialmente causare seri danni alla macchina che li apre. L’invito è sempre quello di ottimizzare l’uso della posta elettronica con sistemi alternativi più sicuri (come avevamo già trattato in passato) e, banalmente, dedicare più attenzione al mittente di tali email. Nel 99% dei casi, infatti, la semplice prova di controllo relativa al mittente rivela che chi sta scrivendo NON è il nome indicato. In Outlook si verifica facendo un doppio passaggio sul nome:

Controllo minimo del mittente

La dicitura “Invia un messagio di posta elettronica a: nome.cognome@infoesse.it” può essere facilmente cambiata dai malintenzionati, ma il più delle volte rivela un profilo mittente diverso: occhio!

Un’analisi più approfondita, sempre in Outlook, può essere fatta come segue:

Cliccare sulla voce “File” del menù, all’interno del messaggio stesso
Cliccare su “Proprietà”
Verificare l’attendibilità del mittente indicato nelle “Intestazioni internet”